Concours internationaux de la Ville de Paris

Concours Etienne Vatelot

CIVP Regolamento 2011 italien

 


Concours Etienne Vatelot

Regolamento 2011


Questo nuovo regolamento, affisso in data del 22 aprile, annulla le notizie
messe in fila precedentemente


Articolo 1

Il 4e Concorso Etienne Vatelot di luteria e di archetteria del comune di Parigi si svolgerà dal 12 al 28 novembre 2011 al Mairie du 9ème arrondissement de Paris, 6 rue Drouot, nell'ambito dei Concorsi internazionali del comune di Parigi. Esso è organizzato dall’ACDA

Il concorso ha lo scopo di premiare i liutai e gli archettai più rappresentativi della creazione contemporanea.

La giuria valuterà la maturità dello stile, l'accuratezza del lavoro, la qualità della sonorità.

Articolo 2

Il concorso è aperto ai liutai ed archettai professionisti, liberi o dipendenti, di tutte le nazionalità, senza limiti di età nelle seguenti categorie : violino - viola - violoncello - contrabbasso.

Articolo 3

Il concorso è anonimo. Gli strumenti o gli archi non devono portare alcun segno, interno o esterno, distintivo quali etichette, firme o marchi.

Non si possono coprire eventuali etichette.

Un numero d'ordine è attribuito ad ogni strumento o arco sotto il controllo di un ufficiale giudiziario designato dall'amministrazione del concorso. Il numero d'ordine non figura sulla custodia, né sull'imballaggio, né sulla busta menzionata all'articolo 9, che devono riportare soltanto il nome del candidato.

La lista con i numeri d'ordine e i nomi dei liutai o archettai corrispondenti, redatta in un unico esemplare, è conservata dall'ufficiale giudiziario fino al termine delle deliberazioni della giuria

I numeri d'ordine sono riportati su un'etichetta adesiva che è fissata agli strumenti ed agli archi.

A – CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI E DEGLI ARCHI AMMESSI AL CONCORSO

Articolo 4

4.1– Ogni liutaio può presentare al massimo due strumenti che devono appartenere a due categorie distinte (per esempio : 1 violino e 1 violoncello, oppure 1 violino e 1 viola, ecc.).

4.2 – Ogni archettaio può presentare al massimo due archi che devono appartenere a due categorie distinte (per esempio : 1 arco di contrabbasso e 1 arco di viola, oppure 1 arco di violino e 1 arco di violoncello, ecc.).

4.3 – È possibile partecipare al concorso nello stesso tempo come liutaio e come archettaio, a condizione di rispettare le disposizioni elencate qui sopra.

Articolo 5

Gli strumenti e gli archi presentati devono essere stati interamente realizzati dal candidato nei due anni precedenti il concorso.

Gli strumenti devono essere costruiti in legno.

Articolo 6 – Gli strumenti

6.1 – I piroli e la cordiera possono essere montati liberamente. Per la comodità dell'esecutore, i violini e le viole vanno montati, se possibile, con mentoniere di forma piatta.

6.2 – Le corde possono essere scelte liberamente dal candidato secondo gli obiettivi sonori desiderati.

6.3 – Lievi digradazioni di vernice sono autorizzate, ma gli strumenti non devono essere imitazioni dall'antico: gli spigoli non devono presentare un'usura eccessiva, non devono esserci tracce d'urti, né sovraccarico di patina; lo spirito del concorso è, infatti, di presentare una manifattura contemporanea. Gli smussi del riccio possono essere anneriti.

6.4 – Le misure da rispettare, calcolate in centimetri, sono le seguenti:

- violino: da 35,2 a 36 cm

- viola: da 40 a 42 cm

- violoncello: da 73 a 76 cm

- contrabbasso a quattro corde: lunghezza della parte vibrante delle corde tra 102 e 108 cm.

Gli strumenti non conformi a queste misure saranno eliminati d'ufficio.

6.5 – Lo spessore e la larghezza dei manici, nonché la distanza tra le corde, devono rientrare nelle misure ammesse tradizionalmente. Lo stesso vale per l'altezza e la rotondità dei ponticelli. Gli strumenti il cui montaggio sia poco curato e, a parere della giuria, non si prestino ad essere suonati, saranno eliminati.

6.6 – Il posto dell'anima va indicato a matita sul fondo degli strumenti.

Articolo 7 – Gli archi

La bacchetta deve essere in legno di pernambuco. I naselli devono essere montati esclusivamente in ebano e argento o in ebano ed oro.

B – ISCRIZIONI AL CONCORSO

Articolo 8

8.1I partecipanti devono spedire email entro il 15 settembre 2011 il modulo d'iscrizione bulletin d'inscription allegato al seguente indirizzo :

ACDA
Concours Etienne Vatelot
5 passage Piver
75011 Paris – France

Qualora il dossier venga inviato tramite posta, il candidato dovrà segnalare via email la data dell’invio al fine di evitare problemi dovuti ad eventuali ritardi nella consegna da parte dei servizi postali.

• Il modulo di iscrizione debitamente compilato, firmato e datato,bulletin d'inscription

• La quota d'iscrizione è di 130 € per uno strumento, 100 € per il secondo strumento. Per gli archi, i diritti di iscrizione che sono fissati a 75 € per un arco, 50 € per il secondo arco. Devono essere mandati nello stesso momento in cui l'iscrizione.

• Per email : un CV, una foto del candidato più il nome del fotografo e l’autorizzazione a pubblicarla.

8.2Modalità di pagamento :
Tutte le spese extra sono a carico del partecipante.

- Tramite assegno in euro intestato a ACDA

- Tramite assegno emesso da una banca straniera su una banca francese intestato a ACDA e espresso in euro

- Tramite bonifico bancario in euro / Estremi del conto corrente bancariopdf

- Tramite vaglia postale internazionale in euro indirizzato a ACDA

- Tramite contanti in euro

Le somme riscosse non saranno restituite in caso d'annullamento o di non partecipazione.

Articolo 9

Gli strumenti e gli archi saranno spediti nelle loro custodie in una o più casse. Il coperchio della cassa non sarà inchiodato, ma avvitato, in modo da potere essere tolto intatto ed essere riutilizzato per la rispedizione degli strumenti o degli archi ai rispettivi proprietari. Il nome e l'indirizzo del candidato dovranno essere riportati su ogni cassa.

Articolo 10

Ogni strumento ed ogni arco dovrà essere accompagnato da una busta chiusa, destinata all'amministrazione del concorso e collocata nell'imballaggio, contenente :

• cognome e nome del liutaio o dell’archettai,

• il suo esatto indirizzo, nonché quello al quale recapitare lo strumento o l’arco,

• luogo e data di fabbricazione dello strumento o dell’arco,

• un'autorizzazione per praticare piccoli interventi sullo strumento o sull'arco, necessari allo svolgimento del concorso. Questi interventi saranno effettuati dai liutai e dagli archettai ufficiali del concorso,

• l'imballaggio dovrà contenere una muta di corde di ricambio.

C – TRASPORTO DEGLI STRUMENTI

Articolo 11– Deposito degli strumenti e degli archi

Gli strumenti e gli archi dovranno essere depositati sul luogo del concorso, il 8 novembre 2011 al seguente indirizzo, tra le 13 e le 18 :
Mairie du 9° arrondissement de Paris,
6, rue Drouot 75009 Paris.

Un Carnet ATA dovrà essere allegato agli strumenti spediti da paesi fuori dell’UE.

Articolo 12– Spedizione degli strumenti e degli archi

Tutti gli strumenti e gli archi dovranno essere mandati all'organismo delegato dall'amministrazione del concorso e incaricato dello sdoganamento (Henry Johnson, Sons & Co) prima del 2 novembre 2011.

• Tutte le bollette d'invio (aero o terrestre) devono essere consegnate ad :

Henry Johnson, Sons & Co,
Fret 5 – Sogaris – Bat. A
14, rue de la Belle Borne
BP 18442
Tremblay en France
95707 ROISSY CDG CEDEX - France

Allo scopo di facilitare le spedizioni, ai candidati che ne faranno richiesta, verranno trasmessi i dati personali del rappresentante di Henry Johnson nel loro paese.

• La bolletta d'invio con tutti i particolari della spedizione deve essere obbligatoriamente inviata per email 48 ore prima della spedizione, insieme con una fattura pro-forma in nome dell'ACDA – Concours Etienne Vatelot con le indicazioni seguenti :

- cognome, nome, indirizzo, numero di telefono e di fax, indirizzo mail del candidato;

- "valore doganale" (stimato dal candidato) con la menzione "privo di valore commerciale";

- descrizione esatta dello strumento e dell'arco, materiali usati, dimensioni, data di fabbricazione;

- menzione "per esposizione e ritorno obbligatorio";

- due foto : una dalla tavola, una dal fondo.

• Per gli strumenti e gli archi spediti con un Carnet ATA, una delega deve essere predisposta per lo sdoganamento in nome di Henry Johnson, Sons & Co, Fret 5 – Sogaris – Bat. A – 14, rue de la Belle Borne – BP 18442 Tremblay en France - 95707 ROISSY CDG CEDEX - France e deve essere inviata con una copia, fronte retro, del Carnet ATA, per email.

• Le spese di spedizione e d’imballaggio sono a carico del candidato fino alla consegna degli strumenti sul luogo del concorso o all’arrivo al magazzino doganale.
Per gli strumenti in provenienza dall'estero [paesi UE esclusi], le spese di sdoganamento sul territorio francese andranno a carico dell'amministrazione del concorso.
La lista dei documenti necessari per le formalità doganali e le altre istruzioni riguardanti il trasporto degli strumenti saranno comunicate ai candidati ulteriormente su richiesta.

Articolo 13– Rispedizione degli strumenti e degli archi

Tutti gli strumenti ed archi saranno rispediti dall'amministrazione del concorso all'indirizzo indicato dal partecipante, con costo a carico del destinatario.

Le eventuali spese di rimballaggio, di trasporto e di formalità doganali sono a carico del candidato.

Le rispedizioni avverranno tramite , che spedirà ad ogni candidato una fattura per le spese suddette. A pagamento avvenuto, procederà, nel rispetto dei termini amministrativi, alla rispedizione, che sarà effettuata, nella misura del possibile, nelle stesse condizioni della spedizione. Qualora ciò non fosse possibile, l'amministrazione del concorso e Henry Johnson, Sons & Co proporranno al candidato delle soluzioni alternative.

Se il candidato non desidera che Henry Johnson, Sons & Co si occupi della rispedizione, dovrà fare una richiesta per iscritto. Tuttavia, l’eventuale impegno di Henry Johnson riguardo alle operazioni doganali import comporterà l’obbligo, da parte dello stesso, di assicurare le operazioni doganali export.

Articolo 14– Assicurazione

14.1 - I partecipanti devono assicurare, a proprie spese, gli strumenti ed archi le custodie per tutta la durata del concorso, compreso il trasporto, dal momento in cui lasciano la sede del partecipante fino al momento in cui vi fanno ritorno, senza interruzione.

14.2 – Di conseguenza, gli organizzatori del concorso, le persone che con loro collaborano, gli altri partecipanti e tutte le associazioni, persone o società che prestano la propria collaborazione a qualsiasi titolo non possono essere ritenuti responsabili dei danni eventualmente arrecati agli strumenti, alle custodie; i partecipanti ed i candidati rinunciano a qualsiasi ricorso contro i suddetti organizzatori, associazioni, società e persone.

14.3 – Ogni partecipante risponderà dei danni materiali e della responsabilità civile dovuta ad eventuali danni di qualsiasi natura (compresi i danni fisici) causati a terzi e derivanti dagli strumenti, archi alle custodie, o dalla sua presenza o partecipazione al concorso; per espresso accordo, non può essere ammesso a questo titolo nessun ricorso contro le persone menzionate al paragrafo 13.2. Senza che ve ne sia l'obbligo, è consigliato ai partecipanti di garantirsi contro tale rischio.

Articolo 15

15.1 – I candidati s'impegnano a lasciare gli strumenti e gli archi a disposizione dell'amministrazione fino al 30 novembre 2011 per l’esposizione prevista dal 21 al 26 novembre 2011.

15.2 – Gli strumenti vincitori saranno suonati l’8 gennaio 2012, nel corso di una giornata speciale organizzata dal Musée de la musique (Cité de la musique) - Parigi, e rimarranno inoltre esposti al Museo dal 10 al 22 gennaio 2012. I candidati si impegnano a lasciare gli strumenti alla disposizione del concorso per questa manifestazione.

D – ORGANIZZAZIONE DEL CONCORSO

Articolo 16

La giuria comprende liutai, archettai, e musicisti professionisti di fama internazionale. Musicisti-interpreti saranno associati alla prova finale. Le decisioni prese dalla giuria sono definitive.

I membri della giuria non possono concorrere in nessun caso.

Articolo 17

Il concorso prevede l'assegnazione di due premi per ogni categoria di strumenti.

• Categoria violino
- Primo Gran Premio del Comune di Parigi : 4 500 €
- Secondo Prezzo : "diplomo di onore",

• Categoria viola
- Primo Gran Premio del Comune di Parigi : 4 500 €
- Secondo Prezzo : "diplomo di onore",

• Categoria violoncello
- Primo Gran Premio del Comune di Parigi : 4 500 €
- Secondo Prezzo : "diplomo di onore",

• Categoria contrabbasso
- Primo Gran Premio del Comune di Parigi : 4 500 €
- Secondo Prezzo : "diplomo di onore",

Per gli archi, il concorso attribuirà un Primo Prezzo "diplomo di eccellenza" ed un Secondo Prezzo "diplomo di onore", in ogni categoria di arco.

Articolo 18

Oltre ai premi menzionati all'articolo 17, la giuria si riserva la possibilità di attribuire uno o più premi speciali o certificati di merito.

Articolo 19

Gli strumenti che hanno ricevuto il Primo Gran Premio del Comune di Parigi saranno suonati da celebri musicisti in occasione di un concerto di gala il 23 novembre 2011.

Articolo 20

L'amministrazione del concorso si riserva il diritto esclusivo di realizzare e distribuire fotografie degli strumenti e degli archi presentati al concorso con ogni mezzo di diffusione.

Articolo 21

In caso d'eventuali contestazioni, il tribunale competente è il foro di Parigi. La base giuridica in caso di reclami è la normativa in lingua francese.

    Regolamento 2011

> fotos : concorso 2011 <

Etienne Vatelot

Exposition

Exposition - Violoncelle

Exposition - violons

Exposition - violons

Exposition - violons

Exposition - violons

Exposition - violons

Exposition

Exposition

Concours

Exposition - violons

Exposition - violons

André Acquart

Violoncelle

Flore Guillemona

Exposition - violons

Montage exposition

Montage exposition

Exposition - violons

Nicolas Perrin et Etienne Vatelot

Exposition - violons

Exposition - violons



©2011 ACDA - CIVP - email AccueilWelcome